Il Quotidiano del Sito

«A Gropparello intere frazioni isolate dalla telefonia mobile». Ghittoni: «Ignorati dagli operatori»

Il Piacenza - Lun, 14/10/2019 - 06:00

In quella fetta di territorio, piuttosto ampia, tra la Valdarda e l’Unione dei Comuni della Valnure e della Valchero, quale è la Valvezzeno, i cittadini sono quasi isolati telefonicamente, se non del tutto...

Categorie: Notizie Locali

Attaccati da uno sciame di vespe, in sette all'ospedale

Il Piacenza - Dom, 13/10/2019 - 23:00

Una dozzina di persone aggredite da uno sciame di vespe, e in sette sono dovuti ricorrere alle cure dell'ospedale. E' accaduto nel pomeriggio del 13 ottobre in Valtrebbia, fra Perino e Bobbio. Oltre alle chiamate al 118 da parte di un gruppo...

Categorie: Notizie Locali

«Differenziata in centro per bar e locali? Pensata male e ingiusta. Colpa di una politica sterile»

Il Piacenza - Dom, 13/10/2019 - 22:45

«La raccolta differenziata per i locali del centro storico? Così com'è stata pensata allo stato attuale, creerà un danno per i gestori». Alcuni titolari di bar e locali del centro sono già sul piede di...

Categorie: Notizie Locali

Carlo De Benedetti: «Voglio rilanciare il gruppo Espresso». Secca la risposta di Cir: «Offerta irricevibile»

Il Corriere della Sera Economia - Dom, 13/10/2019 - 22:24
L’ingegnere lo scrive nella lettera che accompagna l’offerta di acquisto delle azioni del gruppo Espresso
Categorie: Economia Finanza

Assigeco ci mette il cuore e rimonta a Montegranaro

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 21:33

Nonostante il perdurare dell’assenza di Andy Ogide, l’Assigeco Piacenza completa una splendida rimonta nell’ultimo quarto e va a prendersi i due punti sul parquet del PalaSavelli di Montegranaro. 78-76 il punteggio finale per gli uomini di coach Gabriele Ceccarelli, propiziato da un super Jazz Ferguson, autore di 30 punti e dalla difesa che la squadra ha messo in campo nei momenti decisivi del match.

LA CRONACA – Parte bene l’Assigeco, che scossa da un ottimo inizio di Ferguson si porta in vantaggio sul 26-18 allo scoccare della prima sirena. Nel secondo periodo, però, Montegranaro rientra in scia, sospinta da un Thomas dominante (34 punti per lui alla fine). Le difficoltà non mancano all’Assigeco, specie nel terzo periodo, quando l’attacco va in rottura prolungata e i padroni di casa mettono le mani sulla partita. Poderosa anche a +15, quando riemerge il grande cuore dell’Assigeco.

Una tripla con fallo realizzata da Santiangeli e la grande difesa di Piccoli consentono agli uomini di coach Ceccarelli di rientrare prepotentemente nel match e nel finale sale di nuovo in cattedra Ferguson. Il play-guardia di Louisville si carica la squadra sulle spalle realizzando la tripla del pareggio a quota 74 e il canestro che vale la partita a poco meno di 3” dalla sirena finale.

MOMENTO CHIAVE – Gli ultimi 7’ di partita che l’Assigeco inizia sotto per 70-55 dopo il canestro di Cucci. Da quel momento Ferguson, Santiangeli e Piccoli dominano il match.

PROTAGONISTI BIANCOROSSOBLU – Jazzmarr Ferguson chiude con 30 punti all’attivo e con il canestro che regala all’Assigeco la prima vittoria in stagione. Ottimo il supporto di Santiangeli che chiude con 15 e di Piccoli che ne mette 7 ma grazie alla sua difesa propizia il rientro.

CURIOSITA’ STATISTICHE – Va oltre il 50% al tiro da due punti l’Assigeco Piacenza, che chiude con 21/40 (8/16 per Ferguson). Tre triple a testa per lo stesso Ferguson (su 10 tentativi) e per Santiangeli (su 5), che chiudono un 8/23 complessivo. Montegranaro, complice anche l’assenza di Ogide, spazza i tabelloni (41-23 il parziale), ma paga le 19 palle perse a fronte delle sole 4 recuperate. I padroni di casa hanno tirato 25/37 da 2 punti, ma sparando a salve dalla lunga con 3/16.

PROSSIMA AVVERSARIA – Sporting Club JuveCaserta, domenica 20 Ottobre, alle ore 18, al PalaBanca di Piacenza.

XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO- ASSIGECO PIACENZA 76-78
(18-26, 24-18, 20-9, 14-25)

Montegranaro: Thompson 12, Miani ne, Angellotti ne, Mastellari 5, Conti, Palermo 2, Bonacini 8, Berti ne, Thomas 34, Cucci 8, Serpilli 7. All. Ciani

Piacenza: Montanari ne, Ferguson 30, Molinaro 8, Rota, Gasparin 10, Piccoli 7, Ihedioha 6, Turini 2, Cremaschi ne, Santiangeli 15. All. Ceccarelli

Categorie: Notizie Locali

Manovra 2020, Italia viva di Renzi contro Quota 100: «Stop totale, mancano le risorse»

Il Corriere della Sera Economia - Dom, 13/10/2019 - 21:20
Marattin (Italia viva): «Si tratta della politica più ingiusta degli ultimi 25 anni, rendiamo strutturale l’Ape social». La ministra del lavoro Catalfo: «Quota 100 non si tocca»
Categorie: Economia Finanza

Piacenza tutto cuore e grinta: Pergreffi e Della Latta ribaltano il Vicenza. Franzini: «Vittoria da grande squadra»

Il Piacenza - Dom, 13/10/2019 - 21:11

Con il cuore in rimonta, con la sofferenza, con lo spirito di sacrificio e con il gioco, perché sì, tra Piacenza e Vicenza a meritare la vittoria sono proprio gli emiliani per quanto proposto sul campo: intensità, ritmo, grinta...

Categorie: Notizie Locali

La Vigor Carpaneto riaccende il motore: pareggio in casa della Correggese (1-1)

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 20:17

Un punto meritato e prezioso, che smuove leggermente la classifica e che ha un suo peso soprattutto per il morale e per la prestazione offerta.

La nuova-era biancazzurra del tecnico Stefano Rossini (già tecnico nelle scorse due stagioni e subentrato lunedì al collega Martins Adailton) sulla panchina della Vigor Carpaneto 1922 inizia con il pareggio a domicilio della Correggese (1-1), con la classica spartizione della posta in palio al termine di una partita aperta e ricca di occasioni su entrambi i fronti.

Sul versante numerico, la Vigor interrompe a quattro la striscia nera di sconfitte consecutive in campionato e centra il terzo pareggio dell’anno, vedendo però rinviare nuovamente l’appuntamento con la vittoria. Il Carpaneto (penultimo in classifica alla vigilia) sale dunque a quota tre punti, venendo però agganciato all’ultima piazza condivisa con Savignanese e Calvina. Dal canto suo, invece, la Correggese mantiene il terzo posto, salendo a quota 14 e vedendo imporsi il secondo pareggio stagionale dopo 4 vittorie e 1 sconfitta a corollario.

Guardando, invece, la prestazione di Rantier e compagni, molteplici sono i segnali positivi: si è vista una squadra viva, capace di fronteggiare un buon avversario e anche di reagire al gol iniziale di svantaggio, trovando il pareggio su rigore nella parte finale del primo tempo. Nella ripresa, la Vigor ha colpito anche un palo interno e una traversa con il sempre pericoloso Salvatore Bruno, mentre la Correggese ha avuto le proprie chance per piazzare il colpaccio.

Domenica i biancazzurri piacentini proveranno a rilanciarsi ulteriormente nel match casalingo in programma alle 15 al “San Lazzaro” di Carpaneto contro i bolognesi del Progresso.

LA PARTITA – Senza il centrocampista Giacomo Rossi (squalificato), per la sua prima panchina stagionale mister Rossini sceglie il 3-5-2, con Bini a guidare la difesa affiancato da Confalonieri e l’ex Zuccolini, mentre Barba agisce a sinistra, con Galazzi sul versante opposto. Centrocampo a tre con Mastrototaro-Abelli-Romeo, mentre davanti c’è il tandem d’esperienza formato da Rantier e Bruno. Schieramento pressoché identico per la Correggese, che propone davanti dal primo minuto l’ex Fiorenzuola Bosio.

La Vigor parte decisa e vivace, ma alla prima occasione della partita va sotto: al 15’ assist di Bosio per Carrasco che insacca con un rasoterra vincente, siglando l’1-0 e il quinto centro stagionale in campionato. Il Carpaneto prova a reagire con Bruno (tiro debole), poi al 28’ una punizione di Rantier termina di poco alla destra di Sorzi. Poco dopo lo stesso attaccante francese duetta con Bruno e ci riprova, ma la conclusione è parata. Al 33’ è Mastrototaro a rendersi pericoloso dai 35 metri (palla alta), mentre al 40’ arriva il pareggio biancazzurro: fallo di Casini su Galazzi in area, per l’arbitro è rigore che Rantier trasforma per l’1-1.

Nella ripresa, la Vigor riparte con il giusto piglio come dimostra l’immediata conclusione di Galazzi deviata in corner. La Correggese (in campo con Sarzi Maddidini al posto di Mandelli) risponde al 53’ con un tiro di Franchini (deviato in corner), poi si rende pericolosa con la punizione dello stesso attaccante respinta in angolo da Lassi. Copione uguale al 67’, mentre il nuovo entrato Rivi (originario di Correggio) si fa applaudire per una rovesciata (parata).

Brividi piacentini al 71’ quando l’ex Fiorenzuola Saporetti (appena entrato in campo) converge sulla linea di fondo verso la porta dopo aver saltato Bini, scaricando per Franchini che calcia a botta sicura, ma Mastrototaro respinge provvidenzialmente nei pressi della linea di porta. Il numero dieci locale ci riprova su calcio piazzato, la stessa tipologia che al 77’ vede Bruno colpire un clamoroso palo interno. Lo stesso centravanti colpisce anche la traversa cinque minuti dopo con un tiro dalla distanza leggermente deviato. Nel recupero, occasione per Valeriani, Lassi respinge, poi Carrasco viene anticipato nella conclusione successiva.

LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA:

Stefano Rossini (tecnico Vigor Carpaneto 1922): “Per assurdo siamo andati meglio dopo aver subito il gol, iniziando a giocare, provando le nostre cose. Io sono qui da una settimana, ci vuole tempo e sotto questo punto di vista mi aspettavo qualcosa in meno. Io credo ci siano due basi fondamentali: quella mentale e quella fisica. Sotto quest’utimo punto di vista, dobbiamo lavorare molto, verso l’ora di gioco abbiamo avuto un calo, con 2-3 elementi con i crampi. Sotto l’aspetto mentale, i ragazzi sono stati molto bravi, anche perché abbiamo trovato di fronte una squadra forte, che gioca e sa giocare. Strada facendo, in fase di non possesso siamo riusciti a mettere in pratica le contromisure dopo esser partiti comunque aggressivi. Inoltre, in fase di possesso abbiamo provato tante cose che avevamo testato in questi giorni. Il modulo? Per me è sempre subordinato ai principi e alle caratteristiche dei giocatori; ho fatto un ragionamento e ho lavorato sul 3-5-2, all’inizio bisogna dare un po’ di certezze, da lì poi aumentano le situazioni. Credo che il pareggio sia il risultato corretto: noi abbiamo preso due legni, ma anche subìto alcune ripartenze dove ci è andata bene. Come ho detto anche ai ragazzi, le situazioni, positive e negative, te le tiri dalla tua parte”.

Davide Zuccolini (difensore Vigor Carpaneto 1922): “Il punto era fondamentale in trasferta contro una squadra forte. Si sono viste una scossa e una reazione dopo il gol che ci è sempre mancata nelle precedenti partite. Abbiamo giocato come avevamo preparato il match. La difesa a tre? Mi sono trovato bene, soprattutto con Bini, molto esperto e bravo ad aiutare i compagni. Devo fare i complimenti anche ai due esterni che hanno aiutato molto in fase difensiva. Il pareggio è il risultato giusto. Tornare da ex a Correggio è sempre particolare, qui mi sono sempre trovato bene e sono affezionato a dirigenza, presidente e alla gente: cerco sempre di fare una bella partita”.

CORREGGESE-VIGOR CARPANETO 1922 1-1

CORREGGESE: Sorzi, Casini, Calanca, Valeriani, Mandelli (46’ Sarzi Maddidini), Ghizzardi, Carrasco, Landi, Bosio (70’ Saporetti), Franchini, Messori (70’ Riccò). (A disposizione: Rossi, Fattori, Fiorini, Binini, Lessa Locko, Barbieri). All.: Serpini

VIGOR CARPANETO 1922: Lassi, Confalonieri, Barba, Bini, Mastrototaro (74’ Zazzi), Zuccolini (80’ Rossini M.), Galazzi (59’ Rivi), Romeo (83’ Favari), Bruno, Rantier, Abelli. (A disposizione: Dieye, Premoli, Brizzolara, Fittà, Giannini) All.: Rossini S.

ARBITRO: Galasso di Ciampino (assistenti Macchi di Gallarate e Daghetta di Lecco)

RETI: 15’ Carrasco (C), 40’ rig. Rantier (V)

NOTE: Spettatori 300, corner 3-3, ammoniti Messori, Landi, Ghizzardi (C), Barba, Rivi (V). Recupero: 0’ e 4’.

Risultati settima giornata serie D girone D:

Alfonsine-Sammaurese 1-1

Breno-Ciliverghe 3-0

Correggese-Vigor Carpaneto 1922 1-1

Crema-Sasso Marconi Zola 2-2

Fiorenzuola-Forlì 1-0

Mantova-Sporting Franciacorta 4-2

Mezzolara-Fanfulla 1-1

Savignanese-Calvina 1-3

Classifica:

Mantova 19, Fiorenzuola 17, Correggese 14, Lentigione, Breno, Mezzolara, Crema 13, Fanfulla 12, Progresso 10, Ciliverghe 8, Sporting Franciacorta 7, Forlì, Sasso Marconi Zola, Alfonsine 6, Sammaurese 5, Vigor Carpaneto 1922, Savignanese, Calvina Sport 3.

Foto Correggese Calcio

Categorie: Notizie Locali

La Val Trebbia di Hemingway, a Ottone i vincitori del contest letterario

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 20:11

Una premiazione con i sapori d’autunno in alta Val Trebbia. Non poteva che essere questa la cornice dell’epilogo del contest letterario organizzato e promosso da Edizioni Officine Gutenberg, nell’ambito del festival ‘Da Annibale a Hemingway’, con le Pro Loco di Ottone, Zerba, Cerignale e Campi.

I primi tre classificati domenica mattina sono stati premiati (nelle foto) a Ottone in occasione della Fiera dei Prodotti della Montagna (nelle foto sotto).

Foto3 di 4

Il concorso richiedeva agli aspiranti scrittori di descrivere la ‘leggendaria’ giornata piacentina del grande scrittore americano Ernest Hemingway, quella che lo avrebbe portato a pronunciare la famosa frase sulla “valle più bella del mondo” (che non ha mai scritto e di cui in realtà non c’è alcuna traccia). Ecco la classifica finale: primo posto per Mara Pedrazzini, secondo posto per Carlo Nobile, e terzo a Barbara Tagliaferri.

Foto3 di 5

Sono stati complessivamente 19 i partecipanti, e i loro racconti sono stati raccolti nel libro pubblicato da Edizioni Officine Gutenberg ‘Una giornata di Hemingway in Val Trebbia’, reperibile in libreria e sul sito www.printdifferent.it

Categorie: Notizie Locali

Della Latta ribalta la partita al 90′, il Piace sconfigge il Vicenza (2-1) COMMENTO – VIDEO

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 19:55

Sono i gol che arrivano dalla difesa a ribaltare nell’ultimo quarto d’ora una gara che per il Piacenza sembrava ormai compromessa.

Al Garilli contro il Vicenza sono Pergreffi e Della Latta a regalare ai biancorossi di casa tre punti davvero pesanti: sotto di un gol in avvio per un calcio di rigore apparso alquanto generoso, la squadra di Franzini ha condotto a lungo la partita, ma solo nel finale ha trovato i colpi vincenti con l’incornata di Pergreffi e la gran conclusione di Della Latta in pieno recupero che ha fatto esplodere il Garilli.

LA PARTITA – Diverse le novità nel 3-5-2 disegnato da Franzini: Paponi, acciaccato, parte dalla panchina sostituito da Cacia che compone il tandem offensivo con Sestu; a centrocampo insieme a Marotta e Corradi c’è il giovane Bolis, mentre sull’out di destra gioca El Kaouakibi al posto di Zappella. A difendere la porta Bertozzi, con Del Favero impegnato con l’Under 21. Nel Vicenza si accomoda in panchina il piacentino, ed ex di giornata insieme a Barlocco, Simone Guerra: in campo va Arma.

Il Piacenza parte bene, ma è il Vicenza a passare poco prima del 15’: Della Latta contrasta in area Barlocco, i due finiscono a terra e per l’arbitro è rigore tra le proteste dei biancorossi. Dal dischetto va Marotta che lascia Bertozzi immobile e porta in vantaggio i suoi. Il Piacenza prova a scuotersi dopo il colpo a freddo e il primo squillo arriva al 21’ con la fucilata di Sestu dall’interno dell’area che centra in pieno l’incrocio dei pali.

Il Piace spinge e Cacia prova a farsi vedere, ma pecca di imprecisione: prima al 26’ controlla male e spreca un buon assist di Corradi, poi al 32’ è bravo ad anticipare tutti di testa su un cross basso di Imperiale senza trovare la porta. Break del Vicenza al 39’, è Giacomelli a far partire una conclusione improvvisa che finisce di poco a lato. La squadra di Franzini ha il predominio in campo e gli avversari collezionano ammonizioni, ma come già accaduto diverse volte quest’anno ha il demerito di non concretizzare il gioco prodotto; i veneti chiudono così la prima frazione in vantaggio, andando anche vicini al raddoppio in pieno recupero con un’azione di contropiede.

Al rientro in campo nel Vicenza c’è Cinelli al posto di Zonta. Riprende subito il forcing del Piacenza e dopo tre minuti ci prova ancora Cacia: la sua rovesciata all’interno dell’area piccola finisce alta dopo un’azione caparbia di Della Latta. Gli ospiti sono schiacciati dietro, ma tutto sommato si difendono con ordine e quando riescono provano a farsi vedere in avanti, anche se Bertozzi rimarrà inoperoso. Allo scoccare dell’ora di gioco Franzini inserisce Cattaneo e Zappella per Corradi e El Kaouakibi; con il passare dei minuti la spinta dei suoi pare però perdere vigore ed ecco al 70’ un altro doppio cambio, con Nicco e Sylla che prendono il posto di Bolis e Imperiale per un Piacenza a trazione anteriore.

Subito Sylla si fa vedere anticipando tutti, anche il portiere in uscita, su calcio d’angolo, ma il suo colpo di testa finisce alto; è perfetto invece, un minuto dopo, lo stacco di Pergreffi, che svetta su un lancio di Sestu (ancora una volta tra i migliori) e beffa Grandi protagonista di un uscita tutt’altro che perfetta: 1-1 al ’73, pari meritato e partita riaperta. Sembra però a questo punto mancare il decisivo cambio di passo e nel finale il Vicenza torna a farsi vedere con più continuità in avanti; sono però ancora proteste all’86’ per un intervento su Sylla in area: l’arbitro lascia giocare, episodio molto dubbio.

E quando ormai la gara sembra ai titoli di coda, ecco la sponda di Marotta per la rasoiata da fuori area di Della Latta che si insacca alla destra di Grandi: 2-1 al 91’ e festa biancorossa al Garilli. Successo importantissimo per l’undici di Franzini che si rilancia: domenica prossima trasferta a domicilio della Vis Pesaro.

GLI HIGHLIGHTS

IL COMMENTO di Luigi Carini – Il Piacenza è davvero squadra imprevedibile, nel bene e nel male. Piacenza-Vicenza rinnova una sfida dai sapori antichi (storica ed epica rivalità con episodi polemici ed illeciti vari) e nuovi con la sconfitta del Padova in casa che da motivazioni particolari di alta classifica.

Franzini opera un turno over forse eccessivo. In panchina troviamo, oltre all’infortunato Paponi e l’ormai cronico Giandonato, anche i vari Zappella, Nicco e Cattaneo. Tatticamente le due squadre giocano un calcio piuttosto inconsueto basato sulla profondità e non sul gioco elaborato a centrocampo; così sono impegnate le difese anche se i due portieri non devono fare interventi decisivi. Il Piacenza vince perché ha cercato la vittoria con più insistenza e perché, ancora una volta, i cambi di Franzini sono stati decisivi, soprattutto gli arrivi di Cattaneo e di Sylla hanno dato più peso e pericolosità ad un attacco che Sestu generosamente sosteneva senza risultati concreti.

Come quasi sempre succede tra squadre che sostanzialmente si equivalgono sono gli episodi a decidere il risultato. Episodico il rigore concesso agli ospiti per un fallo comunque evitabile (ammesso che ci fosse) ed episodico anche il gol bellissimo di Della Latta in pieno recupero con una sciabolata dal limite quando la partita sembrava aver esaurito i suoi argomenti.

In definitiva il Piacenza conferma la solidità del suo impianto di gioco e l’importanza del suo bomber Paponi, la cui assenza si è fatta sentire. La squadra, comunque, è in salute anche se, ripetiamo, imprevedibile perché accanto ad incomprensibili amnesia alterna alterna sprazzi di buon calcio.

La classifica si arricchisce di tre punti molto preziosi e prepara il big match col Padova del 26 ottobre.

PIACENZA – VICENZA 2-1
Marotta al 15′ (R), Pergreffi al 73′, Della Latta al 90′

PIACENZA (3-5-2): Bertozzi; El Kaouakibi (16′ st Zappella), Milesi, Pergreffi; Della Latta, Corradi (16′ st Cattaneo), Marotta, Bolis (25′ st Sylla), Imperiale (25′ st Nicco); Sestu, Cacia. All. Franzini

A disposizione: Ansaldi, Riccardi, Giandonato, Borri, Paponi, Forte, Nannini.

VICENZA (4-3-1-2): Grandi; Bruscagin, Padella, Cappelletti, Barlocco; Vandeputte (24′ st Emmanuello), Pontisso (13′ st Rigoni), Zonta (1′ st Cinelli); Giacomelli (24′ st Tronco); Arma (35′ st Bizzotto), A. Marotta. All. Di Carlo

A disposizione: Albertazzi, Scoppa, Liviero, Pasini, Guerra, Saraniti.

ARBITRO: D’Ascanio di Ancona (Dicosta, Perrelli)

RETI: 14′ pt A. Marotta (V) rig.; 30′ st Pergreffi (P), 47′ st Della Latta (P)

NOTE: ammoniti Padella, Pontisso, Vandeputte (V)

LA CRONACA

Finale al Garilli, Piacenza che riacciuffa la partita al 90′ con una grande e meritata vittoria.

Della Latta ribalta la partita al 90′, Piacenza passa in vantaggio. La palla al limite dell’area per Della Latta che con un micidiale rasoterra batte il portiere del Vicenza.

All’86’ vigorose proteste biancorosse per chiedere un rigore su Sylla trattenuto in area.

Finalmente arriva il pari con Pergreffi al 73′, l’azione parte da Sestu che lancia per il difensore, di testa anticipa l’uscita del portiere e insacca.

Al 72′ è proprio il senegalese a rendersi pericoloso su corner anticipando il porteiere Grandi ma la palla colpita di testa è alta sopra la traversa.

Dentro anche Sylla e Nicco per Imperiale e Bolis.

Al 60′ arrivano i primi cambi nel Piacenza: dentro Zappella per El Kaouakibi e Cattaneo per Corradi.

Ancora biancorossi in avanti con Corradi al 55′, dalla sinistra crossa in mezzo ma El Kaouakibi e Cacia non ci arrivano.

Al 48′ si fa vedere il Piacenza con Della Latta che entra in area, serve Cacia che tenta un’improbabile rovesciata.

Si riprende col secondo tempo.

Finito il primo tempo al Garilli.

Due minuti di recupero.

Proteste biancorosse al Garilli per un presunto fallo di mano della difesa vicentina su cross di Sestu.

Al 43′ terzo giallo per i veneti, dopo Pontisso è la volta di Vandeputte.

La reazione dei biancorossi dopo lo svantaggio c’è stata, ma ancora una volta tante occasioni senza arrivare al gol.

Ancora vicini al pari, al 32′ Imperiale serve Cacia, che da pochi passi mette fuori di testa.

Preme il Piacenza, al 29′ su azione di corner, Milesi mette in mezzo la palla ma nessuno ne approfitta.

Al 26′ ancora vicino al gol del pareggio il Piace, questa volta con Cacia solo davanti a Grandi sbaglia il controllo e poi mette fuori.

Al 22′ grande occasione per il Piacenza, Sestu colpisce l’incrocio dei pali dopo il cambio di gioco di Corradi.

I biancorossi provano a reagire, al 21′ si guadagnano una punizione dal limite.

Al 15′ Marotta trasforma il rigore concesso al Vicenza, che passa in vantaggio al Garilli.

L’arbitro ha fischiato in penalty per i veneti dopo una fase di gioco concitata con la palla giunta in mezzo dove Della Latta ha contrastato l’ex biancorosso Barlocco in maniera fallosa.

Al 12′ bella iniziativa di Sestu sulla destra, cross in mezzo, da fuori area ci prova Marotta che calcia out.

Al 10′ cartellino giallo per Bruscagin, autore di un brutto fallo su Imperiale.

Si lotta a centrocampo nelle prima fasi della partita.

Prima iniziativa di Della Latta al 2′ sull’out destro, cross per Cacia che prova il tiro respinto.

Partiti.

Squadre in campo.

Arbitra il Signor D’Ascanio della sezione di Ancona.

Nel Vicenza scendono in campo: Grandi; Bruscagin, Padella, Cappelletti, Barlocco; Vandeputte, Zonta, Pontisso; Giacomelli; Arma, Marotta.

La formazione ufficiale biancorossa vede in campo Cacia al posto di Paponi, che parte dalla panchina. Ci sono anche Corradi ed El Kaouakibi.

Partita di cartello quella tra Piacenza e Vicenza in scena al Garilli domenica alle 17 e 30, una sfida che manca dal 2010 allo stadio biancorosso.

I veneti sono secondi in classifica con 4 punti in più del Piacenza a quota 14. I biancorossi devono far dimenticare la prestazione non all’altezza di San Benedetto del Tronto.

Categorie: Notizie Locali

Vittoria al quinto set per Gas Sales contro Jastrzebski

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 19:52

Si chiude con una vittoria contro lo Jastrzębski Węgiel il “Volleyball Giants Charity Tournament” della Gas Sales Piacenza: dopo l’opaca prestazione di ieri contro Belchatow, la truppa di mister Gardini si riscatta prontamente ed esce vittoriosa dopo quasi di ore di gioco al tie break (25-18; 15-25; 25-22; 23-25; 15-11).

Buona la prova complessiva dei biancorossi: Krsmanovic si conferma letale, specie sottorete chiudendo con 14 punti e l’85% in attacco. Finiscono in doppia cifra anche Tondo (17) , Stankovic (14) e Berger (12), quest’ultimo premiato come miglior giocatore dell’incontro. Bene anche il muro piacentino (12). Premiati anche mister Andrea Gardini e Dragan Stankovic alla fine dell’incontro.

Per questa nuova sfida mister Gardini schiera in campo Cavanna al palleggio, Tondo opposto, Yudin e Berger in banda, Stankovic e Krsmanovic al centro e Scanferla libero. Nel primo set, avvio positivo per la Gas Sales Piacenza che si porta avanti 7-4 grazie a un attacco vincente di Tondo; i biancorossi tengono un buon ritmo e allungano ancora (15-9), costringendo coach Santilli a chiamare time out. La pipe di Berger fa scappare Piacenza a +7 (18-11) e l’errore in battuta degli avversari consegna il set ai piacentini per 25-18.

Formazione biancorossa riconfermata nel secondo parziale: lo Jastrzębski Węgiel prova a scappare via fin dalle prime battute (4-2) con mister Gardini che interrompe subito il gioco. Un ace di Stankovic riporta le squadre in parità sul 6-6 ma i polacchi non ci stanno e sorpassano nuovamente la Gas Sales Piacenza portandosi sul +5 (14-9). Gardini prova a cambiare, mandando in campo Paris e Botto per Cavanna e Tondo ma sono gli uomini di Santilli ad aggiudicarsi il set 25-15.

Nella terza frazione di gioco dentro Botto al posto di Yudin; le due squadre rispondo punto a punto ma sul 9-8 per i polacchi, l’allenatore piacentino decide di chiamare time out. Lo Jastrzębski allunga sul 15-9 ma la risposta di Stankovic e compagni non si fa attendere: i biancorossi accorciano le distanze, vanno in parità con un ace di Berger (19-19) e sorpassano gli avversari 21-19. Santilli chiama time out ma è la Gas Sales Piacenza ad avere la meglio, chiudendo il parziale per 25-22.

Nel quarto set è riproposta nel campo di Piacenza la stessa formazione: l’ace di Botto e il muro di Stankovic fanno andare la Gas Sales sul +2 (6-4) ma i polacchi si riportano sotto (11-10) e passano avanti (11-14). Il vantaggio dello Jastrzębski rimane fino alla fine della frazione gioco conclusa a favore degli uomini di Santilli per 25-23. Al tie break la Gas Sales Piacenza parte bene e al cambio campo è avanti 8-5; i biancorossi sono bravi a gestire il vantaggio e chiudono il set a proprio favore 15-11 grazie a un errore in battuta degli avversari.

Soddisfatto coach Gardini, che al termine della gara ha tirato le fila di questa lunga fase di preparazione che ha visto impegnata la Gas Sales Piacenza in vari allenamenti congiunti e test: “Durante questa preparazione si è percepito un sistema di gioco su cui stiamo lavorando. Nella partita di ieri non eravamo lucidi e lo abbiamo pagato caro. Ci è servito da lezione: i ragazzi lo hanno capito e lo dimostra la partita di oggi. Il percorso di amichevoli che abbiamo intrapreso è stato interessante e costruttivo, peccato non averlo potuto fare con tutti i ragazzi. Domenica ci aspetta un esordio difficile, contro una corazzata con grandi campioni e giocatori di assoluta qualità: ogni volta che entreremo in campo dovremo far progredire il nostro sistema di gioco e questo ci potrà dare delle interessanti sorprese durante il corso della stagione”.

Domani la truppa biancorossa farà rientro in Italia e da martedì si torna in palestra per iniziare a preparare al meglio la sfida di domenica 20 ottobre contro la Lube Civitanova.

GAS SALES PIACENZA: Copelli, Scanferla (L), Cavanna 4, Yudin 2, Stankovic 14, Botto 6, Paris, Berger 12, Tondo 17, Cereda (L), Krsmanovic 14.

Categorie: Notizie Locali

A Noceto i Lyons sfornano una prestazione top

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 19:49

Partita vera doveva essere e partita vera e stata, con le due formazioni che hanno giocato a viso aperto, testando la propria condizione e il proprio gioco: ne è venuta fuori una sfida piacevole, da cui i Sitav Rugby Lyons sono usciti vincitori grazie a due fiammate nella ripresa, mettendo comunque in evidenza la differenza di categoria con il Rugby Noceto, che può comunque dirsi soddisfatto per la prova offerta e si lancia verso il campionato, in cui la formazione gialloblu vuole giocare un ruolo da protagonista.

Sono proprio i padroni di casa a partire forte, dominando il campo nei primi 10’ minuti, in cui la difesa bianconera, praticamente perfetta nella giornata di oggi, tiene botta e respinge l’assalto. Il primo tempo è sicuramente la frazione meno frizzante della sfida, con qualche errore di troppo per i Lyons, che devono ancora prendere le misure e confidenza con una rosa tutta nuova, e una prova difensiva ottima da parte delle due formazioni. Il tabellino si muove solo nel finale, con Lekic a varcare la linea di meta dopo una lunga fase di attacco bianconero al 34’. Il primo tempo termina ancora con i Lyons in attacco, ma Noceto resiste e può respirare.

Nella ripresa il copione non cambia, con i Lyons ancora all’attacco che nei primi 20’ chiudono virtualmente la partita: le mete sono marcate da Capitan Bruno e dei subentrati Di Lucchio e Rollero, che firmano una gran prova della panchina bianconera, capace di dare la scossa alla partita dopo la prima girandola di cambi. C’è anche la soddisfazione per il Noceto, che in attacco si è appoggiato molto al proprio pacchetto di mischia e ha trovato la marcatura da una maul avanzante.

Buone sensazioni per Sitav Rugby Lyons: a una settimana dalla prima giornata di Peroni TOP12 è arrivata la prima vittoria di questo precampionato, fondamentale per dare fiducia ai bianconeri. La prestazione è stata sufficiente, ma i miglioramenti sono ancora tutti da sviluppare e nel lungo percorso che accompagnerà gli uomini di Garcia e Baracchi arriveranno sicuramente. Da segnalare anche la prima apparizione in questa stagione di Domenico Grassotti, Alessio Cocchiaro e dell’ultimo arrivato Pablo Parlatore, partiti tutti titolare e in fase di rodaggio in vista della prima stagionale.

Non resta che attendere sabato prossimo, per avere una misura reale della condizione dei bianconeri: contro i vicecampioni di Rovigo non ci si potrà più nascondere.

Rugby Noceto – Sitav Rugby Lyons 7 – 26

Sitav Rugby Lyons: Via G, Boreri, Paz, Subacchi, Bruno, Guillomot, Fontana, Parlatore, Petillo, Lekic, Tedeschi, Pozzoli, Greco, Cocchiaro, Grassotti. A Disp: Rollero, Acosta, Pedrazzani, Bance, Bedini, Efori, Borzone, Di Lucchio, Capone, Bottacci, Salerno

Tabellino: pt 34’ mt Lekic tr Guillomot; st 10’ mt Bruno, 14’ mt Noceto tr, 20’ mt Di Lucchio tr Guillomot, 24’ mt Rollero tr Efori

Categorie: Notizie Locali

SS:Trinità, mostra I Miracoli Eucaristici nel mondo

Il Piacenza - Dom, 13/10/2019 - 19:45

La mostra "I Miracoli Eucaristici nel mondo", allestita presso la Parrocchia della SS;Trinità dal 12 al 27 ottobre, è stata desiderata e raccolta da Carlo Acutis.

Categorie: Notizie Locali

Da Carlo De Benedetti offerta per 29,99% di Gedi, Cir: "Irricevibile" 

AdnKronos Economia - Dom, 13/10/2019 - 19:35
L'ingengnere: "L'iniziativa volta a rilanciare gruppo, può avere futuro coerente con sua grande storia" 
Categorie: Economia Finanza

Lundgren (easyJet): «Puntiamo sull’Italia, ma senza Alitalia»

Il Corriere della Sera Economia - Dom, 13/10/2019 - 19:35
Intervista del «Corriere» all’amministratore delegato della low cost britannica. «In Europa ci sono troppe compagnie, ma la concorrenza fa sempre bene»
Categorie: Economia Finanza

Rush finale per la Legge di Bilancio, ultima chiamata per Alitalia

Governo al lavoro per gli ultimi ritocchi alla Manovra. Martedì la scadenza cruciale per l'ex compagnia di bandiera

Categorie: Economia Finanza

L’hacker «redento» che ora lavora legalmente e guadagna un milione l’anno. La storia di Tommy

Il Corriere della Sera Economia - Dom, 13/10/2019 - 18:58
Il 35enne statunitense è uscito dal carcere nel 2010 dopo quattro anni. Oggi è tra i pochissimi hacker ad avere guadagnato oltre un milione di dollari attraverso i programmi di bug bounty. Il suo mestiere? Scoprire le falle nei sistemi delle aziende e segnalarli prima che siano sfruttati da criminali
Categorie: Economia Finanza

Il Fiorenzuola non si ferma più: vittoria contro il Forlì

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 18:26

Il Fiorenzuola non si ferma più ed espugna Forlì grazie a una rete di Piraccini ad inizio ripresa che regala tre punti importanti alla squadra di Tabbiani.

L’inizio di gara vede i rossoneri manovrare come di consueto dal basso alla ricerca delle combinazioni ormai classiche dell’undici di mister Tabbiani, di rientro in panchina dopo le due giornate di stop. La prima occasione del match è sui piedi di Buonocunto, che riceve palla sui 20 metri e prova a calciare un fendente rasoterra che sibila alla destra della porta difesa da Battaiola. Ci prova il Fiorenzuola al 28’ con Piraccini che scambia con Guerrini; palla per Arrondini che di sinistro calcia a lato. Al 38’ il Forlì ci prova dalla lunga distanza, con una bella combinazione offensiva che libera capitan Baldinini dai 25 metri. Bel tiro da fuori di poco sopra la traversa.

Al rientro in campo dagli spogliatoi il Forlì scatta meglio dai blocchi di partenza, rendendosi pericoloso da subito con Baldinini. Con una grande azione al 56’ da parte di Tognoni sulla destra, i rossoneri passano in vantaggio; cross sul secondo palo per Piraccini che di destro al volo batte l’incolpevole De Gori. 1-0 rossonero. I rossoneri mettono il turbo con Tognoni sulla destra, seminando il panico, mentre il Forlì prova a rimescolare le carte; Bonandi al 77’ ci prova dai 25 metri, palla sopra la traversa. Mischia su punizione calciata da Buonocunto all’85’, con Ballardini che sul secondo palo di testa impensierisce Battaiola; salva di piedi il portiere rossonero.

Il finale di sofferenza sorride al Fiorenzuola, che porta a casa una grande vittoria per 1-0.

Campionato Serie D Girone D – 7° Giornata

U.S. Fiorenzuola 1922 vs Forlì F.C. 1-0

U.S. Fiorenzuola 1922: Battaiola; Olivera (86’ Bajic); Guglieri; Zaccariello; Bruzzone; Cavalli; Tognoni (86’ Hathaway); Amore (78’ Tunesi); Arrondini (63’ Bigotto); Guerrini (74’ Colantonio); Piraccini. All. Tabbiani. A disposizione: Bertolazzi; Carrara; Bajic; Hathaway; Moukam; Pozzebon.

Forlì F.C.: De Gori; Zamagni; Baldinini (65’ Bonandi); Biastol; Sedioli; Pastorelli (57’ Pellecchia); Gkertsos; Gomez Walkers; Albonetti; Ballardini; Buonoconto. All. Paci. A disposizione: Baldassarri; Favo; Souare; Marzocchi; Zabre; Vesi; Pacchioni.

Reti: 56’ Piraccini (FI)

Note: Recupero 0’ e 5’ – Angoli 2-1

Ammoniti: Guerrini (Fi); Olivera (Fi); Sedioli (FO); Bruzzone (FI); Colantonio (FI)

Categorie: Notizie Locali

Unicredit precisa: "Tassi negativi solo per i conti sopra il milione di euro"

Un portavoce dell'istituto: "Verranno discusse misure ad hoc per la parte eccedente e investimenti senza commissioni"

Categorie: Economia Finanza

Lungo le strade dell’Epica corrono in 600

Piacenza sera - Dom, 13/10/2019 - 16:43

Una corsa tra le colline della Val Trebbia e della Val Luretta per riassaporare il gusto del ciclismo di una volta, quello un po’ avventuroso senza i patemi della competizione a tutti i costi.

In circa 600 sono saliti in sella domenica 13 ottobre per correre la storica granfondo “L’Epica, Sulle tracce di Annibale”, manifestazione ciclistica su strade parzialmente bianche con biciclette di ogni epoca. Partenza e arrivo da San Nicolò e organizzazione a cura della Orsi Bike. Manifestazione che è arrivata alla sua dodicesima edizione: l’obiettivo è sempre quello di rievocare la “Battaglia della Trebbia” combattuta nel 218 a.C., anno di fondazione di Placentia “città che piace”, tra Roma e Cartagine.

Nella galleria fotografica alcuni momenti della gara che ha visto il seguente ordine di arrivo per le bici d’epoca: primo Luciano Cuggiola in sella a una Peugeot del 1908, secondo Gigi Prevedini con una Nemeis del ’24, terzo Lele Acarna con una Wolsit del ’32.

L’evento è come da tradizione dedicato a bici e abbigliamento d’epoca attraverso la formula “eroica” delle gare di un tempo; si alternano strade asfaltate e sterrate e i diversi percorsi disponibili rendono questa manifestazione adatta a tutti. Anche quest’anno è stato infatti possibile scegliere tra il percorso lungo di 90 km, il medio di 60 km e la pedalata ecologica di 30 km adatta a tutti, famiglie e bambini.

Sono considerate d’epoca tutte le bici da strada costruite prima del 1987 i cui requisiti minimi sono: pedali con puntali e cinghiette, fili dei freni esterni, comandi dei cambi non indicizzati.

Categorie: Notizie Locali
Condividi contenuti